Come si riproducono le piante

come si riproducono le piante

METODI DI DISPERSIONE DEI SEMI

Le piante hanno una mobilità limitata, quindi per la propagazione della loro specie hanno bisogno di disperdere i semi in luoghi diversi. La dispersione dei semi è fondamentalmente un processo in cui i semi vengono trasportati in luoghi diversi. Questo assicura che la pianta si sviluppi in diverse regioni e aumenta le possibilità di sopravvivenza e di produzione. La dispersione dei semi è un processo importante.
Ci sono diversi agenti che aiutano nella dispersione dei semi.


Perché è necessaria la dispersione dei semi?


La dispersione dei semi con vari agenti è molto importante per la sopravvivenza del seme. Immaginate se tutti i semi di una pianta cadessero in una piccola regione sotto l’albero. Che cosa accadrebbe? I semi competerebbero tra loro e con la pianta madre per la luce, i nutrienti e l’acqua. Così, le probabilità che non tutti i semi crescano in piante sane saranno alte.
La dispersione dei semi assicura che i semi raggiungano habitat diversi che favoriscono la loro crescita. Aiuta inoltre la pianta a colonizzare nuove aree geografiche.

Le piante hanno sviluppato varie strategie per assicurare che i loro semi siano dispersi in lungo e in largo – uno dei vantaggi dei semi rispetto alla propagazione vegetativa.

I frutti o i baccelli che contengono i semi si sono adattati a diversi metodi di dispersione. Alcuni frutti sono molto semplici e assomigliano ad un grande seme, come la ghianda di quercia (Quercus), che ha un guscio spesso per proteggere il seme sottile rivestito. Le ghiande sono resistenti ai danni fisici e possono sopravvivere rotolando nel terreno e sono sepolte dagli animali.

Alcuni manti di semi sviluppano capsule o baccelli ; il baccello si asciuga in modo irregolare durante la maturazione, causando tensioni nelle pareti del baccello che alla fine si apre e rilascia un gran numero di semi. I semi cadono a terra o vengono portati via dal vento.

Altri baccelli di semi, come quelli di Acanthus, amamelide (Hamamelis) e piselli (Pisum), scoppiano in modo esplosivo per espellere i semi a una certa distanza. L’erbaccia come il crescione peloso (Cardamine hirstaa), ha solo bisogno di essere toccato o soffiato delicatamente dal vento per far scoppiare le sue capsule di semi ed espellere i semi.

DISPERSIONE DEI SEMI DA PARTE DEGLI ANIMALI

Le piante hanno spesso frutti carnosi. Gli animali hanno bisogno di digerire i semi, che spesso hanno più nutrienti. I semi passano indenni attraverso il sistema digestivo di un animale e si depositano in escrementi. I frutti carnosi includono bacche (uva, Vitís), frutti a nocciolo, con semi singoli (prugna, Prunus), e pomacee con diversi semi (mela, hialus). I frutti carnosi composti includono l’ananas (Ananas) e il lampone (Rubus idaeus).

potrebbero Interessarti anche:

Molti semi e frutti hanno varie appendici che sono in grado di attaccarsi ai peli o alle piume, alcune molto tenacemente. Questi semi possono essere trasportati a grande distanza.

DISPERSIONE DEL VENTO DI SEMI

Molti semi sono molto piccoli e trasportati dal vento, un metodo di trasporto economico perché richiede meno energia per produrre un seme leggero e minuscolo rispetto ad uno grande con un frutto carnoso. I semi minuti sono prodotti in gran numero per compensare la ridotta probabilità di atterraggio su un terreno adatto.

I rododendri, e soprattutto le orchidee, hanno semi estremamente leggeri, che vengono trasportati dal vento. Altri semi hanno sviluppato strutture per mantenerli sospesi nell’aria. I semi del dente di leone (Taraxacum) e della lattuga.

DISPERSIONE DEI SEMI PER ACQUA

Le piante che si sono adattate a crescere in acqua o lungo i corsi d’acqua producono semi o frutti impermeabili e galleggianti. I semi del cipresso della palude (Taxodium distichum) possono essere portati via da torrenti e fiumi prima della loro germinazione. Uno dei viaggiatori di maggior successo sull’acqua è il frutto del cocco (Cocos nucifera), che può sopravvivere a un viaggio attraverso un intero oceano.

I semi sono considerati dormienti se non riescono a germogliare se posti in condizioni ritenute adeguate alla specie. Le condizioni comprendono una temperatura adeguata, umidità, aria e, in alcuni casi, luce. Se questi sono presenti, i semi non dormienti dovrebbero germogliare presto dopo aver assorbito l’acqua.

Nelle zone in cui le stagioni si alternano tra estati calde e inverni freddi, o dove ci sono stagioni secche e umide , la dormienza impedisce ai semi di germogliare non appena sono maturi alla fine della stagione di crescita. Le piantine verrebbero uccise dal freddo estremo, dal caldo o dalla siccità. La dormienza si traduce anche in una germinazione scaglionata dei semi in natura, riducendo così la concorrenza tra le piantine.

La dormienza dei semi è solitamente causata da uno strato di semi duri (pericarpo), da un embrione immaturo o dall’inibizione chimica.

La piuma permette di trasportare i semi io su lunghe distanze al vento. ln questo modo, la pianta può colonizzare aree molto grandi.

A seconda della difficoltà con cui si rompe la dormienza, è anche descritto come dormienza bassa, intermedia o profonda.

I giardinieri possono superare la dormienza in diversi modi. Quando i semi dormienti sono stati preparati per la germinazione, devono essere mantenuti stabili. Qualsiasi cambiamento delle condizioni, come l’aumento del calore, la secchezza o la mancanza di ossigeno, spingerà i semi ad entrare in un dormienza secondaria, che è estremamente difficile da rompere.

You might also like

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi