Quali erbe per curare il diabete di tipo 2

Riassunto

I rimedi casalinghi per il diabete includono l’ uso di aceto di sidro di mela, zucca amara, fieno greco, cannella, aloe vera, acqua, foglie di mango, erba medica, jamun, foglie di curry e olio di semi di lino in diverse forme. L’ esercizio fisico, modelli di sonno sani e il mantenimento della salute sono altri rimedi comportamentali per liberarsi del diabete in modo naturale.

Medicina erboristica, fitomedicina o medicina botanica sono sinonimi, utilizza piante destinate a scopi medicinali. L’uso medicinale della medicina erboristica nel trattamento e nella prevenzione delle malattie, tra cui il diabete, ha una lunga storia rispetto alla medicina convenzionale. Il diabete è una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica nel mondo. Il diabete o iperglicemia è considerato uno dei rischi comuni per la salute pubblica, il cui controllo ottimale non è ancora possibile. L’iperglicemia persistente o il diabete incontrollato ha il potenziale di causare gravi complicazioni come le malattie renali, la perdita della vista, le malattie cardiovascolari e le amputazioni degli arti inferiori che hanno contribuito alla morbilità e alla mortalità del diabete. Ci sono vari approcci per trattare e prevenire il diabete e le sue complicanze secondarie, uno dei quali è rappresentato dai farmaci a base di erbe. Tuttavia, la selezione delle erbe può dipendere da diversi fattori, che includono lo stadio di progressione del diabete, i tipi di comorbidità che i pazienti hanno, la disponibilità, l’accessibilità economica e il profilo di sicurezza delle erbe. Questa revisione si concentra sui rimedi erboristici e naturali che svolgono il ruolo nel trattamento o nella prevenzione di questo disturbo morboso – il diabete, compresi i loro meccanismi di base per la proprietà di abbassare la glicemia e i prodotti erboristici già commercializzati per l’azione curativa del diabete.

Cause del diabete

Le cause comuni del diabete nel nostro corpo sono o la mancanza di insulina o l’ incapacità di utilizzare l’ insulina disponibile nel nostro corpo. L’ insulina è semplicemente uno dei nostri ormoni creati dal pancreas, che a volte può funzionare impropriamente. Questa condizione molto grave correlata alla regolazione dell’ insulina è causata principalmente da due fattori – lo stress e l’ obesità.

Il diabete mellito è una sindrome caratterizzata da iperglicemia, cambiamento nel metabolismo dei lipidi, carboidrati e proteine e, a lungo termine, con complicazioni oculari, renali, cardiovascolari e neurologiche. Un sacco di piante provenienti da diverse regioni del mondo sono state studiate per gli effetti antidiabetici. Questo articolo riporta alcune delle più importanti piante medicinali con proprietà ipoglicemiche secondo prove cliniche e di laboratorio affidabili, e ha anche toccato le piante medicinali che sono prescritti nella medicina tradizionale iraniana, per il trattamento del diabete. Le informazioni contenute in questa recensione sono state ottenute dagli articoli idonei recuperati utilizzando i termini di ricerca diabete mellito, piante medicinali, diabete di tipo 1 e piante medicinali, diabete di tipo 2 e piante medicinali, e l’effetto dell’estratto e dell’olio essenziale di piante medicinali che interessano i tessuti diabetici nel corpo umano indicizzati.

Prediabete in cosa consiste

La condizione di salute in cui il livello di zucchero nel sangue è più alto del normale, ma non è abbastanza alto per essere classificato come diabete è medicalmente definito come pre-diabete. “Tolleranza al glucosio compromessa” è un altro termine per descrivere la stessa condizione. Il prediabete è considerato uno stato a rischio, con alte probabilità di sviluppare il diabete.

Mentre il prediabete è comunemente una condizione asintomatica, c’è sempre la presenza di prediabete prima dell’insorgenza del diabete. L’innalzamento della glicemia è un continuum e quindi il prediabete non può essere considerato una condizione del tutto benigna. Anche se la maggior parte delle persone con prediabete non ha sintomi, si potrebbe notare una sete maggiore, aumento pipì, avendo la visione offuscata o estrema stanchezza nelle condizioni di prediabete. La condizione di prediabete può essere diagnosticata eseguendo uno dei tre diversi esami del sangue, il test del glucosio plasmatico a digiuno, il test di tolleranza al glucosio per via orale o il test dell’emoglobina A1c.

Il pre-diabete è una condizione che colpisce un numero significativo di persone in tutto il mondo. Le ultime ricerche mostrano che, entro il 2030, più di 470 milioni di persone saranno colpite da questa patologia. La maggior parte dei casi che soffrono di pre-diabete, se lasciati incustoditi, sviluppano nel tempo il diabete di tipo 2 e il diabete di tipo 1. Tuttavia, è possibile arrestare o invertire la progressione del pre-diabete, o almeno ritardare lo sviluppo del diabete. Le persone affette da pre-diabete sono spesso carenti di vitamine e sostanze nutritive necessarie per il corretto funzionamento dell’organismo. L’integrazione con la vitamina D può aiutare a garantire l’assorbimento del calcio nell’organismo e può anche aiutare a controllare l’ipertensione, l’obesità e il diabete.

Uso di cure naturali o a base di erbe per il diabete

I pazienti spesso faticano ad apportare i necessari cambiamenti allo stile di vita per controllare i livelli di zucchero nel sangue, e i farmaci attuali hanno dei limiti e possono avere effetti collaterali gastrointestinali negativi. Studi clinici e ricerche hanno spesso raccomandato l’uso di cure naturali o a base di erbe per il diabete, piuttosto che affidarsi esclusivamente ai farmaci. Le erbe tradizionali possono offrire una nuova opzione per gestire i livelli di zucchero nel sangue, da sole o in combinazione con altri trattamenti.

Curcumina per il prediabete

Diverse piante medicinali hanno dimostrato di essere efficaci in diverse fasi del diabete, come la curcumina è proposta di essere utilizzata come uno degli interventi nella terapia pre-diabete per prevenire la progressione del T2DM a causa dei suoi comprovati benefici e del suo profilo di sicurezza.

Integratore di Curcumina di Curcuma [4230 mg] 180 Capsule Vegetali - Senza Stearato di Magnesio - 95% di Estratto di Curcumina e Piperina - Potente Antinfiammatorio...
  • Perché il Turmerico contiene Curcumina? I Curcuminoidi sono i composti più potenti e bioattivi nella Curcuma, e aiutano a...
  • Cosa fa la Curcumina? La Curcumina è un antiossidante naturale a base vegetale estratto dalla radice di curcuma, utilizzato in...
  • Qual è il ruolo della Piperina? La Piperina (nota anche come Estratto di Pepe Nero) è un composto brevettato, utilizzato...
  • Perché acquistare da AAVALABS? Perché siamo un'azienda a conduzione familiare con sede in Finlandia. Abbiamo particolarmente a...
  • E se non mi piace o non va bene per me? Nessun problema! Ogni singola confezione del nostro Turmerico contiene 180 capsule per una...

 

Cannella per diabetici con ipertensione

la cannella può essere un’opzione migliore per i pazienti diabetici che hanno un’ipertensione coesistente, e d’altra parte, l’estratto di gel di foglie di Aloe vera con dosi di 300 mg/kg ha dimostrato un aumento dei livelli di insulina dalle beta-cellule pancreatiche rigenerate.Pertanto è importante conoscere la storia del paziente e i benefici terapeutici della pianta medicinale per il corretto trattamento del paziente.

Offerta
CANNELLA Vegavero® | 2000 mg | CEYLON Cinnamon: la varietà migliore | 120 capsule | Vegan
  • 🩸 ZUCCHERI NEL SANGUE: con il termine glicemia s’intende la concentrazione di glucosio nel sangue. La cannella potrebbe...
  • ⭐ LA VARIETÀ MIGLIORE: il nostro integratore è a base di Cannella di Ceylon: non utilizziamo l’economica cannella di Cassia....
  • 📍 SENZA ADDITIVI: utilizziamo capsule piccole e facili da inghiottire. Poiché gli oli essenziali volatilizzano durante il...
  • 🌿 VEGAVERO CLASSIC: integratori vegani di alta qualità che comprendono nutrienti essenziali, estratti vegetali, funghi...
  • 💓 AL VOSTRO FIANCO: La premura nei vostri confronti fa parte della nostra filosofia. Per questo oltre a elaborare integratori...

 

Erbe che regolano la secrezione di insulina

I difetti della secrezione di insulina sono una delle cause principali che portano al diabete mellito. Recentemente, numerose erbe botaniche hanno dimostrato un potenziale antidiabetico attraverso la regolazione della secrezione di insulina. Poiché l’uso a lungo termine di composti come il glibenclamide nei pazienti diabetici tende a causare danni alle cellule β a causa della sovrastimolazione dell’isolotto pancreatico, il trattamento può essere passato all’uso di Cuminum cyminum nel trattamento a lungo termine del diabete, poiché può aiutare ad abbassare il livello di glucosio nel sangue e allo stesso tempo porta il beneficio della protezione delle cellule beta.

NIGELLA SATIVA HA GLI STESSI EFFETTI DELLA METFORMINA

Parallelamente, un recente studio ha indicato che il cumino verde potrebbe controllare efficacemente i fattori glicemici insieme ai mediatori infiammatori. Come la regolazione dell’insulina da parte dei semi di cumino,  i semi neri di cumino, la Nigella sativa, della famiglia delle Ranunculaceae, possiede proprietà antidiabetiche e antiiperlipidiche. I semi di colore nero sono amari nel gusto e contengono diverse sostanze chimiche rispetto ai semi di cumino in esso, che includono flavonoidi, acidi grassi insaturi, nigellone, timochinone, p-cimene e carvone. L’efficienza del trattamento a lungo termine di N. sativa nel miglioramento della tolleranza al glucosio è risultata equivalente alla metformina. Il regime di Nigella sativa ha anche portato a una riduzione del peso corporeo in modo simile alla metformina senza effetti tossici. Questi risultati supportano l’uso dell’estratto acquoso di N. sativa come rimedio tradizionale per il diabete.

Olio di cumino nero capsule (egiziano), Nigella sativa, 150 capsule, pressata da 500mg di olio di cumino nero, con acido linoleico (omega 6 acidi grassi)
  • ✔ Olio di cumino nero capsule (Nigella sativa), 150 capsule con olio di cumino nero da 500 mg - Prodotto nella migliore qualità...
  • ✔ Capsule di olio di semi neri (olio di semi neri) con olio di egiziano nero puro e di alta qualità (spremuto a freddo). La...
  • ✔ Ideale per chi soffre di allergie e nelle allergie (come la febbre da fieno): non contiene allergeni, senza lattosio, senza...
  • ✔ L'olio di cumino nero (Nigella sativa) è ottenuto mediante una delicata pressatura a freddo meccanica seguita dalla...
  • ✔ A causa del diritto dell'UE e in particolare del "Regolamento sulle indicazioni sulla salute" (CE) n. 1924/2006, non ci è...

 

 

Erbe che controllano la resistenza all’insulina

La maggior parte dei pazienti diabetici soffre di T2DM, ovvero il idabete di tipo 2 detto mellito, a causa dello sviluppo di resistenza all’insulina endogena da parte delle cellule e dei tessuti del corpo. La resistenza alle cellule può essere ripristinata con l’uso di agenti medicinali di solito la metformina. L’estratto idroalcolico di foglie di Urtica dioica ha mostrato attività ipoglicemiche .

Olio di Aglio per migliorare la risposta all’insulina

L’olio di aglio estratto dalla distillazione a vapore di Allium sativum ha dimostrato di migliorare l’insulina e la tolleranza al glucosio e migliora la glicogenesi nel muscolo scheletrico.

Aia - Olio di aglio vergine, 100% puro, Bio e naturale, Capacità: 125 ml
  • Lava il cuoio capelluto.
  • Rafforza il capello e ne permette una crescita più veloce.
  • Particolarmente efficace per i capelli secchi, può anche essere utilizzato sulla pelle e sulle unghie.
  • Combatte la forfora.

Radice di Helicterus Angustifolia

Allo stesso modo, anche l’estratto etanolico di radice di Helicterus angustifolia è risultato avere un potenziale antidiabetico. Allo stesso modo, anche la corteccia dello stelo di Afzelia africana e la radice di Uvaria chamae hanno dimostrato di avere effetti ipoglicemici

Resveratrolo potente anti diabetico

Il resveratrolo è una delle erbe importanti che hanno dimostrato di avere effetti anti-diabetici . Esso stimola il trasporto intracellulare del glucosio e il risultato di aumentare l’assorbimento del glucosio da parte di varie cellule. In assenza di insulina, il resveratrolo ha mostrato la sua azione stimolante sul trasporto del glucosio. Numerosi risultati della ricerca hanno dimostrato che il resveratrolo aumenta la sensibilità all’insulina nel modello animale di resistenza all’insulina indotta sperimentalmente.

Pertanto, rivedendo questi studi si può concludere che un trattamento a lungo termine per il diabete con alcune piante medicinali antidiabetiche potrebbe portare a un migliore controllo del glucosio nel sangue attraverso il miglioramento della sensibilità cellulare verso l’insulina endogena, quindi una maggiore eliminazione delle molecole di glucosio è diventata possibile per ottenere uno stile di vita più sano.

Offerta
FS Trans-Resveratrolo [150 mg], Estratto di Polifenoli da Polygonum Cuspidatum | 60 Capsule Vegane | ALTA POTENZA | Integratore Naturale e Potente Antiossidante —...
  • FORMULA AD ALTA POTENZA, OTTIMO VALORE - Ogni dose giornaliera pari ad 1 capsula fornisce 150 mg di trans-resveratrolo. Ogni...
  • PRODOTTO NEL REGNO UNITO IN STRUTTURE CERTIFICATE ISO. Il nostro team di esperti britannici utilizza solo ingredienti di qualità...
  • L’IMPEGNO DI FS PER IL BENESSERE MENTALE. Il nostro obiettivo è di fornire ad ogni singolo cliente integratori della massima...

 

Le erbe hanno un impatto sull’assorbimento del glucosio

L’utilizzo dell’inibitore della α-glucosidasi è uno dei rimedi per il diabete in quanto sopprime la digestione dei carboidrati, decelerando così il processo di assimilazione del glucosio e determinando una significativa riduzione del glucosio plasmatico postprandiale e del livello di insulina con una significativa diminuzione dell’HbA1c postprandiale. C’è un ampio uso dell’inibitore della α-glucosidasi nel controllo del T2DM, per esempio per l’acarbosio, il voglibosio, il miglitolo, ecc.

Erbe che inbiscono α-glucosidasi

Diverse ricerche sono in corso alla ricerca di potenziali candidati naturali per il controllo efficace del diabete, di conseguenza, diverse erbe, come la cannella, l’aster cinese, il vischio fico e l’oleandro amaro sono stati trovati per mostrare azioni inibitorie sulla α-glucosidasi.

Erbe che inibiscono α-amilasi

Oltre a ciò, l’inibizione dell’α-amilasi è stata anche associata ad azioni antiiperglicemiche di erbe medicinali come Camellia sinensis, Aloe vera, basilico, ecc. Oltre all’effetto inibitorio su questi due enzimi, le erbe ricche di polifenoli come la iuta e la soia hanno un ulteriore beneficio nella gestione del diabete e dell’ipertensione a causa delle attività inibitorie dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE).Altre erbe che hanno mostrato un potenziale nel trattamento del diabete sono le foglie di olivo, che hanno dimostrato di ridurre la digestione e l’assorbimento dell’amido, così come i semi neri, dove è stata dimostrata l’inibizione del trasporto del glucosio sodio-dipendente. Di seguito sono riportati alcuni esempi di erbe che influenzano l’assorbimento del glucosio attraverso il loro rispettivo meccanismo di azione:

Phyllanthus urinaria è una pianta selvatica in Indonesia della famiglia delle Euphorbiaceae usata tradizionalmente nei disturbi del tratto urinario e nel diabete. La separazione cromatografica dell’estratto idro-metanolico di foglie di P. urinaria e la successiva purificazione delle frazioni attive con HPLC preparatorio ha rivelato corilagina, acido gallico e macatannina B , che ha mostrato in vitro effetto inibitorio contro l’amilasi pancreatica.

Un’altra erba popolare, l’Ocimum basilicum (basilico) si trova ad essere utilizzato nella medicina culinaria e popolare. L’analisi fitochimica ha dimostrato che l’estratto acquoso di foglie di O. basilicum contiene glicosidi cardiaci, flavonoidi, glicosidi, zuccheri riducenti, saponine, steroidi e tannini. L’ Estratto di foglie della pianta ha mostrato notevole  inibizione della maltasi intestinale  Una maggiore inibizione della maltasi può essere attribuita all’elevato contenuto totale di polifenoli e flavonoidi.

Rimedi domiciliari per il diabete

I rimedi domiciliari possono offrire una soluzione a tutti i vostri problemi di diabete, nonostante non siano tecnicamente una “cura”. È possibile provare uno o tutti i seguenti rimedi casalinghi per iniziare a godere dei benefici di una vita senza diabete.

Olio di Enotera e GLA per curare il diabete

I nativi americani apprezzavano la pianta indigena dell’enotera e la sua radice per i suoi poteri curativi. Oggi la ricerca scientifica si concentra in gran parte sull’effetto terapeutico dell’olio derivato dai semi della pianta. Esso contiene un grasso speciale chiamato acido gamma-linolenico (GLA), che è un acido grasso essenziale che viene convertito nel corpo in messaggeri chimici chiamati prostaglandine.

Che cos’è l’enotera?

La pianta e la sua radice sono state a lungo utilizzate a scopo medicinale per il trattamento di contusioni, emorroidi, mal di gola e mal di stomaco. L’uso del suo olio di semi, che contiene acido gamma-linolenico (GLA), è relativamente recente. Il GLA è un acido grasso essenziale che il corpo converte in composti simili agli ormoni chiamati prostaglandine, che regolano una serie di funzioni corporee.

Anche se il corpo può produrre GLA da altri tipi di grasso che si consumano, non c’è nessun alimento che abbia quantità apprezzabili di GLA in esso. L’olio di enotera fornisce una fonte concentrata: dal 7 al 10 per cento dei suoi acidi grassi è sotto forma di GLA. La maggior parte degli studi che studiano gli effetti del GLA hanno utilizzato l’olio di enotera, e per questo motivo è la fonte preferita di GLA.

Olio di Enotera 200 Perle Spremuto a Freddo 2000 mg 10% GLA con Vitamina E. Equilibrio Ormonale, Menopausa e Sindrome Premenstruale. Antiossidante Per la Pelle,...
  • 🌼AIUTA L'EQUILIBRIO ORMONALE, LA MENOPAUSA E LA SINDROME PREMESTRUALE (PMS): L'olio di enotera naturale di N2 Natural Nutrition...
  • 💖ANTIOSSIDANTE, RICCA DI OMEGA 6, FAVORISCE IL SISTEMA CARDIOVASCOLARE: L'integratore di olio di enotera, estratto spremuto a...
  • 💊CAPSULE SOFTGEL SENZA MAGNESIO STEARATO, GLUTINE E LATTOSIO: il nostro Integratore Olio di Enotera viene fornito in capsule...
  • 🌿OLIO DI ENOTERA 100% NATURALE: integratori 100% naturali, prodotti in laboratori CE, conformi ai rigorosi standard e processi...
  • 📩GARANZIA DI SODDISFAZIONE: Per N2 Natural Nutrition la soddisfazione dei nostri clienti è la nostra raison d'être. Quindi,...

Meccanismo delle prostaglandine dell’olio di enotera

L’organismo produce diversi tipi di prostaglandine; alcune favoriscono l’infiammazione mentre altre la controllano. Il GLA dell’olio di enotera viene convertito direttamente in importanti prostaglandine antinfiammatorie, che rappresentano la maggior parte degli effetti terapeutici dell’integratore. Questo può spiegare la sua efficacia nel ridurre i sintomi dell’artrite reumatoide, permettendo alle persone di diminuire o interrompere il trattamento con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Inoltre, il GLA è un componente importante di tutte le membrane cellulari. Piccoli studi hanno suggerito che può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna.

Benefici dell’enotera per il diabetico

Nelle persone affette da diabete, è stato dimostrato che la GLA nell’olio di enotera serale aiuta a prevenire i danni ai nervi (neuropatia), una complicazione comune della malattia. In uno studio su persone con neuropatia diabetica lieve, un anno di trattamento con GLA ha ridotto l’intorpidimento e il formicolio e altri sintomi del disturbo meglio di un placebo, suggerendo che l’enotera può essere utile per invertire la neuropatia.

Come prendere l’enotera

* L’enotera è disponibile in capsule, olio e softgel.
* Per dosi precise, consultate il vostro medico curante. Per il diabete, si consigliano da 5 a 28 grammi di olio di enotera al giorno (0,5-2,8 grammi di GLA).
* Dividere la dose giornaliera in dosi più piccole può ridurre il rischio di disturbi di stomaco.
* Molti esperti raccomandano l’acquisto di olio di enotera che contiene una piccola quantità di vitamina E. Gli acidi grassi dell’olio di enotera si scompongono rapidamente e la vitamina E rallenta questo processo.
* Prendere l’olio di enotera durante i pasti per migliorare l’assorbimento del composto e ridurre la probabilità di disturbi di stomaco come effetto collaterale.

 

Banaba (Lagerstroemia speciosa)

Viene comunemente chiamato come fiore della regina, orgoglio dell’India, crespo-mirto gigante o crespo-mirto della regina. Appartiene alla famiglia Loosestrife. Il fiore della regina è un albero tropicale a foglie caduche che cresce fino a 50 piedi di altezza, ha foglie arrotondate e lisce, di colore rosso-arancio, con livelli più alti di acido corosolico . Abbassa i livelli di zucchero nel sangue (effetto ipoglicemico), facilita il trasporto del glucosio nelle cellule e riduce la quantità di trigliceridi. Il tè delle foglie viene utilizzato per il diabete mellito e per la perdita di peso. Le foglie di Banaba sono in grado di abbassare il livello di zucchero nel sangue a causa dell’ acido (glucoside triterpenoide triterpenoide) e altri elementi fitochimici. Le sostanze fitochimiche presenti nelle foglie di banaba lavorano a livello molecolare aiutando il recettore dell’insulina danneggiato, che è la causa della resistenza all’insulina.

Gli effetti ipoglicemici della banaba sono stati attribuiti sia all’acido corosolico che alle ellagitannine. Gli studi sono stati condotti in vari modelli animali, soggetti umani e sistemi in vitro utilizzando estratti di foglie di banaba solubili in acqua, acido corosolico ed ellagitannine. L’acido corosolico è stato segnalato per diminuire i livelli di zucchero nel sangue entro 60 min in soggetti umani. L’acido corosolico mostra anche attività antiperlipidemiche e antiossidanti.

Banaba contiene anche concentrazioni di fibre alimentari e minerali come magnesio e zinco. Aiuta il corpo a gestire il glucosio ed è come tale anche efficace nella perdita di peso e contro l’obesità. L’effetto ipoglicemico (abbassamento dello zucchero nel sangue) è simile a quello dell’insulina (che induce il trasporto del glucosio dal sangue alle cellule del corpo). Il tè è terapeutico contro disturbi come diabete, problemi renali e urinari.

Gymnema Sylvestre per cura del diabete

Conosciuto come gurmar, o “distruttore dello zucchero“, nella medicina ariuvedica, Gymnema ha costantemente mostrato benefici nei pazienti con diabete. La parte più attiva del Gymnema sembra essere costituita da acidi ginemici, e molti prodotti elencano la percentuale che ogni capsula contiene. Le analisi dell’erba per il diabete hanno dimostrato che può essere utile per abbassare i livelli elevati di zucchero nel sangue. Può ritardare l’assorbimento del glucosio dall’intestino. È stato dimostrato che rigenera i tessuti pancreatici, permettendo la produzione di più insulina, e aiuta a regolare la secrezione di insulina. Aumenta anche l’utilizzo del glucosio da parte della cellula, riducendo la resistenza all’insulina e diminuendo l’appetito, soprattutto per i dolci. Di solito lo uso in capsule, o in forma liquida in alcuni pazienti. Grazie al Gymnema, che ha una forma molto simile al glucosio, può entrare nei recettori per lo zucchero; ha quindi un potere incredibile di prevenire il sapore dei dolci in bocca fino a 1,5 ore.  Questa è una delle mie erbe preferite per il diabete. In capsule si consigliano dosi da 400 a 2.400 mg al giorno.

Come prendere il gymnema

* Gymnema è disponibile come estratto liquido, erba secca, compressa e capsula.
* Estratto liquido (1:1): per aiutare a trattare il diabete, prendere 3,6 a 11,0 millilitri al giorno, diviso e preso con i pasti sotto la supervisione del vostro medico. Per aiutare a ridurre la voglia di dolci, provate a far cadere da 1 a 2 millilitri sulla lingua e poi risciacquate ogni 2 o 3 ore, a seconda delle necessità.
* Compresse/capsule: seguite le istruzioni del produttore o consultate il vostro medico curante. Le dosi tipiche per il diabete possono essere da 400 a 600 milligrammi al giorno di un estratto standardizzato per contenere il 24% di acidi ginnemici.
* Infuso di foglie secche: da 6 a 60 grammi al giorno.
* Le persone allergiche alle piante della famiglia delle Asclepiadaceae (erba del latte) dovrebbero evitare il ginnema.
* Se si stanno assumendo farmaci che possono abbassare i livelli di zucchero nel sangue o erbe o integratori con effetti simili (come il fieno greco, zenzero o ginseng), si dovrebbe esercitare cautela quando si utilizza la gymnema. Se assumete farmaci per via orale per il diabete o usate insulina, dovete essere monitorati attentamente dal vostro medico durante l’uso del gymnema.

 

Estratto di foglie di tè verde per curare la retinopatia diabetica

Il tè verde contiene il bioflavinoide epigallocatechina gallato (EGCG), che ha dimostrato di essere un antiossidante sicuro ed efficace. In uno studio condotto in Giappone, il tè verde ha dimostrato di ridurre il rischio di insorgenza del diabete mellito di tipo 2. È stato dimostrato che migliora la tolleranza al glucosio nei pazienti e riduce la produzione di zucchero nel sangue e la sovrasecrezione nei pazienti affetti da diabete mellito di tipo 2. Il tè verde ha anche dimostrato di avere un efficace fattore anti-angiogenesi, cioè riduce la problematica crescita eccessiva dei vasi sanguigni, che può avere un effetto significativo sulla prevenzione della retinopatia diabetica. È stato anche dimostrato di promuovere l’ossidazione dei grassi e la termogenesi. Infine, il tè verde può fornire una protezione antiossidante per il pancreas e il fegato grasso. Una buona dose è di 200-400 mg al giorno.

Foglie Di Tè Verde Da Himalayan, 100g (50 tazze) | Il Thè Verde Disintossicante Per perdere peso | Ricco di antiossidanti | the in foglie | Green Tea dall'India
  • FOGLIE DI TÈ 100% NATURALI E VERDI - Esclusivo Tè Verde a Foglia Lunga Ricco di antiossidanti e flavonoidi naturali. Colto a...
  • 100% NATURAL 14 DAY DETOX TE - A Differenza Del Popolare 14 Giorni Detox Tè , 14 Giorni Cleanse, 14 giorni Tè , 14 giorni...
  • MARCHIO NEUTRO IN PLASTICA E CARBONIO - Fondato in India da un imprenditore quarta generazione di 28 anni, siamo ora orgogliosi di...
  • COMMERCIO ETICO, ETICO, DIRECT & FAIR-TRADE- TRULY - Il nostro innovativo modello di supply chain ti assicura di ottenere la tazza...
  • GARANZIA DI RIMBOSODDISFAZIONE GARANTITA - GARANZIA SOLDI 100% - Se non ti piace il tè, rilasceremo immediatamente un RIMBORSO...

 

Radice del Ginseng asiatico per il diabetico

Il ginseng è una pianta perenne a crescita lenta con radici carnose, appartenente al genere Panax della famiglia delle Araliaceae. Una varietà di prodotti sono chiamati “ginseng”. I più comunemente usati sono tre diversi prodotti botanici: Ginseng asiatico o coreano (Panax ginseng C.A. Meyer), ginseng americano (Panax quinquefolius L.), o ginseng russo o siberiano (Eleutherococcus senticosus Maximum). La radice del ginseng asiatico è utile per ridurre il livello di glucosio nel sangue. Ha la capacità di aumentare il rilascio di insulina dal pancreas e di aumentare il numero di recettori dell’insulina. In studi clinici, il ginseng asiatico ha dimostrato un effetto diretto di abbassamento dello zucchero nel sangue. Il ginseng americano ha anche dimostrato di ridurre la glicemia post-prandiale nei soggetti non diabetici e nei soggetti con diabete mellito di tipo 2.

Estratto di ginseng rosso coreano fermentato, 110 mg/g, 30 giorni
  • Estratto fermentato al 100% naturale senza additivi. (110mg/g)
  • Aumenta l'energia e la resistenza, in particolare alla fatica
  • Rafforza il sistema immunitario e favorisce la circolazione sanguigna
  • Migliora l'attività cerebrale e la memoria

 

Effetti collaterali del ginseng

Il ginseng contiene una famiglia di composti simili agli steroidi chiamati ginsenosidi. Anche se ci sono molti sottotipi, i ginsenosidi sono glicosidi triterpenoidi triterpenoidi tetraciclici saponina pensata per avere vari effetti ormonali e del sistema nervoso centrale (SNC). Alcuni composti di ginseng mostrano effetti contraddittori; per esempio, il ginsenoside Rg1 ha effetti ipertesi e stimolanti del sistema nervoso centrale, mentre il ginsenoside Rb1 ha effetti ipotensivi e depressivi del sistema nervoso centrale. La “sindrome da abuso di ginseng” è un effetto avverso controverso che è stato riportato in 14 dei 133 utilizzatori a lungo termine di dosi giornaliere elevate. Questa sindrome consisteva in ipertensione, nervosismo, insonnia, eruzioni cutanee, aumento della libido e diarrea mattutina. Gli effetti collaterali più comunemente riportati includono nervosismo ed eccitazione . Altri effetti includono mal di testa, ipertensione, insonnia, effetti estrogenici tra cui mastalgia, sanguinamento vaginale e artrite cerebrale.

Offerta
PANAX GINSENG COREANO Vegavero® | 4800 mg | con 120 mg di Ginsenosidi | Energia, Concentrazione e Fatica | 120 capsule | Vegan
  • 🔥 PIÙ ENERGIA: noto come tonico e adattogeno, il ginseng riduce lo stress fisico e mentale, diminuisce il senso di stanchezza...
  • ⭐ GINSENG ROSSO: è la varietà di ginseng migliore (non utilizziamo ginseng siberiano, euterococco o ginseng americano). Il...
  • 📍 SENZA ADDITIVI: integratore privo di qualsiasi additivo artificiale (senza Magnesio Stearato) e adatto a vegetariani e...
  • 🌿 VEGAVERO CLASSIC: integratori vegani di alta qualità che comprendono nutrienti essenziali, estratti vegetali, funghi...
  • 💓 AL VOSTRO FIANCO: La premura nei vostri confronti fa parte della nostra filosofia. Per questo oltre a elaborare integratori...

 

Curcumina per i sintomi diabetici

La curcumina è una sostanza chimica di colore giallo brillante prodotta, tra le altre piante, dalla curcuma speziata. La curcumina sembra avere molteplici benefici per i sintomi del diabete. È stato dimostrato che è un marcato inibitore delle specie reattive dell’ossigeno che promuovono il danno da ossidazione nelle cellule. La curcumina abbassa le sostanze chimiche infiammatorie come il fattore di necrosi tumorale alfa, e questo è un bene perché il TNF-a causa la resistenza all’insulina e irrita i fegati grassi. La curcumina può ridurre un’altra sostanza chimica pro-infiammatoria chiamata NF-KB. Le azioni di cui sopra forniscono un beneficio nella protezione del diabete e riducono il rischio di sviluppare sintomi e complicazioni del diabete. La curcumina ha anche dimostrato di migliorare il funzionamento delle cellule beta pancreatiche e di ridurre la deposizione di fegato grasso. Riduce la glicemia alta, A1C e la resistenza all’insulina. E ‘stato anche dimostrato di ridurre l’insorgenza del morbo di Alzheimer, e che è un rischio più elevato nei pazienti diabetici rispetto ai pazienti non diabetici. Una buona dose è di 200-3.000 mg al giorno.

Aceto di sidro di mela per il diabete

L’ aceto di sidro di mele svolge un ruolo importante nel controllo dei livelli di zucchero nel sangue. Controlla  il livello di glucosio nel sangue, che sale notevolmente subito dopo aver finito un pasto. Inoltre, ti aiuta a perdere peso, che è importante, considerando l’ obesità è uno dei principali driver del diabete. Mescolare un pizzico di sale con due cucchiai di aceto di sidro di mele in un bicchiere d’ acqua. Prendere regolarmente prima di mangiare.

 

Cannella per il diabete di tipo 2

Le persone affette da diabete di tipo 2 possono trarre notevoli benefici dalla cannella. Incrementa il processo di produzione dell’ insulina nel pancreas e abbassa il livello di zucchero. È possibile prendere la cannella in diversi modi. Miscelatelo con il vostro tè o altre bevande o prendetelo direttamente come polvere per almeno 40 giorni per ottenere risultati ottimali.

Offerta
CANNELLA Vegavero® | 2000 mg | CEYLON Cinnamon: la varietà migliore | 120 capsule | Vegan
  • 🩸 ZUCCHERI NEL SANGUE: con il termine glicemia s’intende la concentrazione di glucosio nel sangue. La cannella potrebbe...
  • ⭐ LA VARIETÀ MIGLIORE: il nostro integratore è a base di Cannella di Ceylon: non utilizziamo l’economica cannella di Cassia....
  • 📍 SENZA ADDITIVI: utilizziamo capsule piccole e facili da inghiottire. Poiché gli oli essenziali volatilizzano durante il...
  • 🌿 VEGAVERO CLASSIC: integratori vegani di alta qualità che comprendono nutrienti essenziali, estratti vegetali, funghi...
  • 💓 AL VOSTRO FIANCO: La premura nei vostri confronti fa parte della nostra filosofia. Per questo oltre a elaborare integratori...

Acqua aiuta a controllare il diabete

Una corretta assunzione di acqua aiuta a mobilitare i fluidi in tutto il corpo e sposta lo zucchero in eccesso attraverso il sistema in modo che possa essere assorbito dagli organi e dalle cellule da utilizzare come fonte funzionale di energia. Inoltre, l’ acqua mantiene le tossine e altri corpi estranei nel vostro corpo in movimento fuori e di essere espulsi, che comprende anche gli zuccheri in eccesso attraverso la minzione.

 

Luce solare e diabete

Un grande rimedio per il diabete è quello di prendere un po’ di luce solare nella vostra vita! La luce solare è direttamente collegata alla funzionalità della vitamina D, e ringiovanendo con questa vitamina essenziale, la luce solare può contribuire a migliorare la produzione di insulina. Un adeguato apporto di insulina può aiutare coloro che soffrono di entrambi i tipi di diabete mellito.

Aloe Vera per il diabete di tipo 2

L’ Aloe vera gel è un componente molto potente nella lotta contro il diabete perché contiene fitosteroli. I primi studi hanno dimostrato che i fitosteroli hanno effetti antiiperglicemici e possono essere di grande beneficio per le persone affette da diabete di tipo 2. Alcuni rimedi casalinghi con aloe vera includono una miscela di curcuma e foglie di alloro. Mescolare un cucchiaino di tutti e tre con acqua e bere due volte al giorno. Questo dovrebbe abbassare i livelli di glicemia!

Offerta
Equilibra Succo di Aloe Vera Extra, Classico, 1 l
  • Depurazione - senza Glutine
  • Funzioni Depurative
  • Aloe Vera varietà Barbadensis 99.55% senza aggiunta d'acqua
  • Coltivazioni selezionate e senza impiego di pesticidi
  • Bottiglia realizzata in materiale UVadsorber che ne protegge il contenuto

 

Foglie di Mango per prevenire il diabete

Prendere almeno 3 o 4 foglie di mango e far bollire con acqua. Bere la miscela ogni mattina per ridurre le probabilità di sviluppare il diabete. È anche possibile asciugare le foglie e macinarle in polvere. Mangiare metà di un cucchiaino di questa polvere due volte al giorno.

Foglie di Curry per ridurre i sintomi del diabete

Masticare le foglie di curry è un modo tradizionale e affidabile per ridurre i sintomi del diabete e aiutare a trattare i problemi di insulina all’ interno del corpo. Ci sono alcuni composti organici all’ interno delle foglie di curry che inibiscono la degradazione degli amidi in zuccheri semplici come il glucosio, che è una delle cause dei flare-up diabetici. Le foglie di curry sono anche dimostrate per ridurre i livelli di colesterolo e obesità, entrambi possono contribuire anche al diabete. Le foglie di curry sono quindi medicinali preventivi, così come i trattamenti per il diabete!

Dieta a basso contenuto di sale

Uno studio recente suggerisce che l’ assunzione di dieta ad alto contenuto di sale aumenta il rischio di malattie cardiovascolari nei diabetici, quindi è consigliabile optare per una dieta a basso contenuto di sale.

Zucca amara per diabetici

La zucca amara è anche conosciuta come melone amaro, e alcuni degli effetti di questo frutto sono noti per ridurre i livelli di glucosio. Stimola il pancreas a rilasciare insulina, contrastando così gli effetti del glucosio in eccesso nel corpo. Togliere i semi da due o tre zucche amare ed estrarre il succo. Aggiungere acqua e bere a stomaco vuoto ogni mattina.

Fieno greco per il diabete

Questa è una delle migliori opzioni come rimedio casalingo per il diabete. I semi di fieno greco hanno composti organici che stimolano il pancreas ad aumentare la sua produzione di insulina, riducendo così le pericolose attività del glucosio nel flusso sanguigno dei diabetici. Immergere i semi di fieno greco (circa due cucchiai da tavola) in acqua durante la notte. Al risveglio, bere l’ acqua e i semi. Insieme ai composti organici che aiutano a stimolare l’ insulina, anche i semi di fieno greco sono ricchi di fibre, che rallentano il metabolismo dell’ amido nel glucosio, aiutando così i diabetici.

41sTKzP0IxL - Quali erbe per curare il diabete di tipo 2
184 Recensioni
FIENO GRECO Vegavero® | Estratto titolato al 50% in SAPONINE | TESTOSTERONE | Tonico e Ricostituente | 120 capsule | Vegan
  • 📍 PIÙ TESTOSTERONE: un integratore di Fieno Greco può contribuire ad aumentare o a mantenere livelli sani di testosterone....
  • ⭐ TITOLATO in SAPONINE: le saponine, avendo una struttura simile agli ormoni, hanno la capacità di aumentare i livelli di...
  • 🔥 TONICO E RICOSTITUENTE: il Fieno Greco viene utilizzato anche in caso di stanchezza fisica e mentale. Ha, infatti, un’alta...
  • 🌿 VEGAVERO CLASSIC: integratori vegani di alta qualità che comprendono nutrienti essenziali, estratti vegetali, funghi...
  • 💓 AL VOSTRO FIANCO: La premura nei vostri confronti fa parte della nostra filosofia. Per questo oltre a elaborare integratori...

 

Jamun per il diabete

Assumere almeno 60 grammi di frutta Jamun matura e immergerla in acqua bollente per diverse ore. Ora fare un impasto e dividerlo in tre parti uguali. Prendere queste parti separate in orari equamente distribuiti della giornata. Jamun è uno dei rimedi domestici più potenti per il diabete, in quanto ogni parte di questa pianta può avere una sorta di effetto anti-diabetico. I semi contengono glicosidi e alcaloidi che controllano i livelli di zucchero nel sangue. Anche le antocianine, l’ acido ellagico e i tannini sono considerati potenti anti-diabetici.

Olio di semi di lino per diabetici

Prendete circa 1,5 oz di olio di semi di lino e mescolare con qualche formaggio di ricotta e latte. Miscelare bene per fare un impasto fine e mangiare il composto con frutta il più regolarmente possibile.

Olio di semi di lino 1000 mg spremuto a freddo - 360 capsule - 4 mesi di trattamento - SimplySupplements
  • FONTE DI ACIDO ALA: L'olio di semi di lino è una fonte di acido alfa-linolenico (ALA), un acido grasso essenziale omega-3.
  • 4 MESI DI DURATA: Queste confezioni da 180 capsule ciascuna hanno una durata di quattro mesi se si assumono tre capsule al giorno.
  • QUALITÀ GARANTITA: Tutti i nostri integratori vengono realizzati in Europa seguendo gli standard GMP.

 

Olio di colza per diabete

La ricerca suggerisce che l’ olio di canola arricchito con olio di colza a basso GL può contribuire a migliorare il controllo glicemico nel diabete di tipo 2.

Estratto di Uva

Recenti ricerche suggeriscono che l’ estratto di pelle d’ uva (GSE) esercita un’ attività inibitoria sull’ iperglicemia e può aiutare nella gestione del diabete

Dieta senza glutine

Recenti ricerche suggeriscono che una dieta senza glutine può ridurre il rischio di diabete.

Esercizio

L’ esercizio fisico regolare è un must per le persone che soffrono di diabete. È necessario mantenere almeno mezz’ ora per l’ esercizio fisico ogni giorno. Partecipare ad una palestra è un’ altra buona opzione perché aiuta a mantenere la regolarità e la motivazione.L’ esercizio fisico elimina l’ obesità e abbassa i livelli di zucchero nel sangue in modo significativo, riducendo così le probabilità di diabete. L’ energia necessaria per l’ attività fisica ha bisogno di avere una fonte, e che stimolerà l’ assorbimento di zuccheri semplici come il glucosio dal flusso sanguigno nei tessuti muscolari e cellule, facendo così lo stesso lavoro come l’ insulina, mentre si perde peso e aiuta ad aumentare la vostra salute.

Esercizio durante la gravidanza per controllare diabete gestazionale

Nuove ricerche dimostrano che l’ esercizio fisico durante la gravidanza può aiutare a controllare il diabete gestazionale e a frenare l’ insorgenza post-natale del diabete di tipo 2.

Dormire

I pazienti diabetici dovrebbero dormire tranquillamente per un minimo di 8 ore al giorno.

 

Il diabete : cose da sapere

 

Tipi di diabete

Ci sono due situazioni in cui il diabete può verificarsi. Quando il corpo umano ferma la secrezione di insulina, si chiama diabete di tipo 1. Questo tipo particolare di diabete è chiamato anche “diabete insulino-dipendente“. Il diabete di tipo 2 è una situazione in cui il corpo non è in grado di utilizzare l’ insulina che è già stata secreta dal pancreas.

C’ è un terzo tipo di diabete che è generalmente osservato nelle donne in gravidanza, chiamato diabete gestazionale, ma questo è raro. Si presenta durante la parte successiva della gravidanza e sparisce quasi automaticamente dopo il parto. Tuttavia, il diabete gestazionale a volte può essere un suggerimento che una persona potrebbe sviluppare il diabete di tipo 2 più tardi nella vita. Eredità, obesità e stress sono alcuni dei motivi comuni per il diabete. Il metabolismo basso del cibo è un’ altra causa di diabete.

Anche se tutte le forme di diabete sono trattabili in quanto l’ insulina è disponibile come trattamento supplementare per mantenere i livelli correttamente sotto controllo, è ancora una condizione cronica senza alcuna cura. Detto questo, esistono vari modi per curare i sintomi del diabete e ridurre i pericolosi picchi di zucchero nel sangue che possono causare gravi preoccupazioni per la salute dei diabetici.

Sintomi del diabete

Mentre è più facile identificare i sintomi del diabete di tipo 1, è abbastanza difficile identificare i sintomi del diabete di tipo 2. Discutiamo i sintomi del diabete qui sotto:

Frequente bisogno di urinare
Gola e bocca secche
Sete, più del solito
Perdita di peso improvvisa
Visione sfocata
Lenta guarigione delle ferite
Prurito dei genitali
Costante voglia di cibo
Irritazione della pelle
Anomalia ai piedi o alle gambe
Presenza di infezioni da lieviti
Malattia da stomaco e vomito

Se si sperimenta uno o tutti questi sintomi, allora è importante che si venga diagnosticati da un medico professionista per il diabete.

Come le erbe regolano lo zucchero nel sangue

I parametri fisiologici che regolano il metabolismo del glucosio e i cambiamenti fisiopatologici che si verificano e che danno origine al diabete sono stati studiati per anni. Questi coinvolgono l’interazione e la funzione di più tessuti periferici, come il fegato, il muscolo e il tessuto adiposo. Al fine di esercitare un effetto, i botanici possono teoricamente modulare il glucosio a diversi livelli diversi in più tessuti . Così, sulla base di anomalie segnalate per il diabete di tipo 2, i composti botanici potrebbero influenzare il metabolismo di tutto il corpo modulando la funzione degli adipociti e quindi, regolando le secrezioni endocrine che svolgono un ruolo per migliorare l’azione insulinica del muscolo scheletrico. Inoltre, sulla base delle anomalie conosciute, i composti botanici possono regolare i processi epatici, cioè la gluconeogenesi epatica, e possono influenzare i livelli di glucosio in tutto il corpo. A questo proposito, un agente specifico chiamato “biguanide” (metformina) e derivato da fonti botaniche sembra migliorare l’iperglicemia regolando i processi epatici. Il diabete di tipo 2 è chiaramente un disturbo che comporta difetti secretori dell’insulina, e il miglioramento della funzione delle cellule β pancreatiche è un altro percorso proposto con cui i composti botanici possono teoricamente funzionare. Il miglioramento della funzione insulino- secretoria può non essere solo un effetto acuto. Ma, come intensamente perseguito in studi preclinici e clinici, se si dimostra che un particolare agente migliora la proliferazione e/o modula l’apoptosi del tessuto insulare, questo può avere un forte impatto sulla naturale progressione del diabete.  Infine, un altro percorso postulato con cui i composti botanici possono funzionare è la regolazione diretta dell’azione dell’insulina nei tessuti periferici come il muscolo scheletrico e il tessuto adiposo. A questo proposito, ci sono prove a sostegno della modulazione botanica di questi processi.

 

Le piante utili per il diabete:

Urtica, Trigonella foenum-graecum, Allium sativum, Carthamus tinctorius, Ferula assa-foetida, Bauhinia, Gymnema sylvestre, Swertia, Combretum, Sarcopoterium, Liriope, Caesalpinia bonduc, Coccinia grandis, Syzygium cumini, Mangifera indica, Momordica charantia, Ocimum tenuiflorum, Pterocarpus, Tinospora cordifoli, Salvia officinalis, Panax, Cinnamomum verum, Abelmoschus moschatus, Vachellia nilotica, Achyranthes, Fabaceae, Mentha, Asphodelaceae, Andrographis paniculata L, Artemisia herba-alba, Artemisia dracunculus, Azadirachta indica, Caesalpinioideae, Pachira aquatic, Gongronema latifolium, Nigella Sativa, Tinospora cordifolia (guduchi), Chrysanthemum morifolium, Zingiber zerumbet, Symphytum, Cactaceae, Symplocos, Perilla frutescens, Terminalia chebula e Aloe vera sono efficaci nel trattamento del diabete.

 

Potrebbe piacerti anche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi