Da quanto tempo gli esseri umani utilizzano le piante?

E’ probabile che gli esseri umani hanno usato le piante come medicina per tutto il tempo in cui siamo esistiti. Scavi archeologici risalenti a 60.000 anni fa hanno trovato resti di piante medicinali, come papaveri da oppio, efedra e cannabis. Fin dall’ inizio, gli esseri umani hanno sperimentato con le piante per imparare come possono aiutarci a guarire. In sostanza, gli esseri umani sono stati coinvolti per migliaia di anni in una vasta “sperimentazione clinica” con piante medicinali.

Potresti essere interessato a:
Come si usano gli oli essenziali?

La saggezza che è nata da questo esperimento globale è una parte importante della nostra storia di guarigione e salute. È possibile che le nostre idee sui poteri curativi delle piante provenissero dall’ osservazione degli animali che usano le piante. In molte delle prime culture, la conoscenza delle proprietà curative di una pianta è arrivata attraverso la pratica dello sciamanesimo, che è una sorta di medicina dello spirito ancora praticata in molte parti del mondo. Alcuni sciamani comunicano con alcune piante (“insegnanti di piante”) per accedere a conoscenze su altre piante e tecniche di guarigione. Sembra esserci una connessione intuitiva tra l’ uomo e le piante che permette ad alcuni individui sensibili, in particolari circostanze, di sintonizzarsi sul potenziale curativo delle piante.

Quali sono i primi documenti scritti? Con l’ aumentare delle conoscenze dello sciamanesimo e di altre sperimentazioni pratiche, gli erboristi cominciarono a catalogare le loro conoscenze sulle piante medicinali. Uno dei più antichi documenti scritti sulle piante medicinali, datato 1500 a. C., è l’ egiziano Ebers Papyrus. In India, la Charaka Samhita, datata 700 a. C., documentava gli usi di oltre 300 piante medicinali. Sono guaritori delle piante o composti non viventi? Nel corso di gran parte della storia, gli esseri umani credevano che lo “spirito vitale” della pianta contribuisse al suo effetto terapeutico.

Ma nei primi anni del 1800, gli scienziati isolarono la morfina dall’ oppio, il che portò alla convinzione (almeno in Occidente) che un singolo composto non vivente in una pianta fosse responsabile delle sue proprietà curative. Questo, a sua volta, ha contribuito a creare il modello biomedico di farmacoterapia che ancora oggi rimane in medicina. In questo modello, le piante sono viste semplicemente come la fonte di una singola sostanza chimica che si rivolge ad un singolo recettore o ad un’ altra parte del corpo e risolve il problema di salute dell’ individuo, tanto quanto un meccanico potrebbe usare una chiave per aggiustare un’ automobile. Questo modello di “macchina” dei sistemi viventi può essere utile, ma è chiaramente inadeguato a spiegare la complessità del sistema umano.

A differenza delle parti di una macchina, gli esseri umani mostrano proprietà non riducibili ai componenti. Allo stesso modo, gli effetti curativi delle piante non possono sempre essere ridotti ad un solo elemento. La maggior parte dei prodotti farmaceutici sono composti sintetici. Si noti però che la struttura dei farmaci sintetici spesso assomiglia a quella delle molecole naturali. E come ha osservato Joanne Raskin, un’ importante ricercatrice botanica nel suo studio del 2002, l’ 11% dei 252 farmaci considerati essenziali dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità deriva esclusivamente da piante fiorite. Quali sono stati gli impatti politici, economici e scientifici? La visione dei farmaci vegetali come semplici fonti di composti chimici invece di spiriti vitali ha avuto un profondo impatto politico, economico e scientifico.

Una volta attribuiti gli effetti terapeutici delle piante alle sostanze chimiche inerti, alcuni medici, che sempre più vollero rappresentare la loro professione come un’ impresa razionale e scientifica, cercarono di prendere le distanze dalle pratiche “superstiziose” e intuitive degli erboristi e di altri guaritori tradizionali. Negli Stati Uniti, l’ insegnamento di erboristeria nei curricula delle scuole mediche è stato proibito e intere scuole sono state chiuse nel 1930. Una delle vittime è stata la scuola di medicina omeopatica dell’ Università del Minnesota, chiusa a seguito di queste riforme. Gli anni’ 90 hanno visto un ritorno verso una prospettiva più olistica nella medicina, con meno dipendenza da potenti farmaci che spesso hanno gravi effetti collaterali.

Questo cambiamento ha contribuito a un rinnovato interesse per le medicine botaniche che generalmente presentano meno rischi dei farmaci. Nel 1994, in risposta a una domanda pubblica schiacciante, il governo federale ha approvato la legge sulla salute e l’ istruzione del supplemento alimentare (DSHEA). DSHEA ha permesso che i farmaci botanici venissero venduti come “integratori alimentari” a condizione che i produttori non facessero alcuna indicazione sulla salute.

Nel 2007, la Federal Drug Administration (FDA) ha annunciato una regola definitiva che stabilisce i requisiti attuali delle buone pratiche di produzione per gli integratori alimentari. La regola finale richiede ai produttori di segnalare tutti gli eventi avversi alla FDA, così come valutare l’ identità, la purezza, la qualità, la forza e la composizione dei suoi integratori alimentari. Secondo la FDA, questo cambiamento dà maggiore responsabilità all’ industria e dovrebbe aumentare la fiducia dei consumatori nella qualità degli integratori alimentari.

Il ruolo dei botanici nella sanità di oggi
Tra il 1990 e il 1997, l’ uso di farmaci botanici è aumentato del 380 per cento negli Stati Uniti. Nel 2010, secondo Nutraceuticals World, la vendita al dettaglio globale di integratori alimentari botanici ammontava a oltre 25 miliardi di dollari. Al di fuori degli Stati Uniti, l’ Organizzazione Mondiale della Sanità riferisce che il 75-85 per cento della popolazione mondiale continua a fare affidamento sui farmaci botanici .

Gli scienziati hanno rinnovato gli sforzi per studiare i farmaci botanici, con conseguente aumento delle prove scientifiche per la sicurezza e l’ efficacia di molti farmaci botanici, soprattutto per le malattie croniche e la cura della salute. Inoltre, le scuole di farmacia e medicina hanno rilanciato i corsi di erboristeria e farmacognosia a base scientifica. Scuole di medicina naturopatica e olistica, come la Bastyr University di Seattle, stanno diventando sempre più popolari.

scopri le proprietà dell’olio di citronella e dell’olio di lavanda.

La crescente accettazione dei medicinali botanici sembra destinata a continuare. Se i farmaci botanici vengono usati in modo giudizioso, sulla base di buone prove scientifiche e di una buona pratica terapeutica, allora possono e devono avere un posto nella medicina moderna.

You might also like

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi