Efficacia delle piante medicinali nella medicina moderna

Attualmente vi è un acceso dibattito sull’ efficacia dei farmaci botanici e sull’ opportunità di utilizzarli in un ambiente medico moderno. Alcune critiche hanno affermato che gli studi clinici della medicina botanica sui prodotti botanici sono di scarsa qualità, limitati da fattori quali le piccole dimensioni del campione, la durata limitata della terapia e la scarsa caratterizzazione dei prodotti.

Tuttavia, critiche analoghe sono state rivolte alla sperimentazione clinica di medicinali farmaceutici. In effetti, uno studio recente ha confrontato la qualità delle sperimentazioni cliniche che utilizzano fitomedicine con le sperimentazioni combinate con i farmaci convenzionali ed è giunto alla conclusione sorprendente che il metodo e la qualità di rendicontazione delle sperimentazioni cliniche occidentali di farmaci vegetali era mediamente superiore a quello dei farmaci convenzionali.

I farmaci botanici possono variare nella loro composizione, nei livelli dei costituenti attivi e nella presenza o assenza di altri costituenti che possono presentare influenze sinergiche o antagoniste sull’ effetto misurato . Di norma, la sinergia non è un problema negli studi clinici dei medicinali farmaceutici, ma nelle sperimentazioni cliniche con i medicinali botanici, la sinergia può incidere sugli esiti e complicare l’ interpretazione dei risultati.

E’ anche importante ricordare che un singolo studio, per quanto ben progettato, non è mai definitivo in sé. Un singolo studio negativo non nega necessariamente i risultati di precedenti studi positivi. In tali circostanze, lo studio dovrebbe essere valutato nel contesto di altri studi analoghi. Ciò vale sia per gli studi di medicinali farmaceutici che per quelli botanici.

Inoltre, ci sono farmaci botanici la cui evidenza primaria deriva da un lungo uso medico. Anche se in questi casi la ricerca basata su evidenze può essere limitata, non dobbiamo ignorare che questi farmaci botanici sono stati usati per migliaia di anni, molto prima che venissero concepiti studi clinici randomizzati.

Medicina botanica utilizzata in comuni condizioni di salute.
Le persone usano comunemente farmaci botanici per mantenere la salute e trattare i sintomi della malattia per tutte le funzioni elencate di seguito. In ciascuno di questi casi, vi è una notevole quantità di prove scientifiche e cliniche relative alle applicazioni dei medicinali botanici. Le sezioni seguenti trattano ciascuno di questi punti.

APPLICAZIONI DELLE PIANTE MEDICINALI

 

Funzioni cardiovascolari e circolatorie
Funzioni digestive, gastrointestinali e del fegato
Funzioni endocrine e ormonali
Funzioni genito-urinarie e renali
Funzioni riproduttive
Funzioni immunitarie
Funzioni cutanee, muscolari e scheletriche
Funzioni neurologiche, psicologiche e comportamentali
Funzioni metaboliche e nutrizionali
Funzioni respiratorie e polmonari
Funzioni cardiovascolari e circolatorie

Gli studi clinici di Biancospino  indicano che i farmaci botanici hanno applicazioni sia per il mantenimento della salute cardiovascolare e circolatoria, sia per il trattamento di disfunzioni cardiovascolari come aritmia e ipertensione lieve (o alta pressione sanguigna).

Ad esempio, numerosi studi clinici e su animali documentano l’ efficacia del biancospino come cardiotonico, aiutano a migliorare l’ approvvigionamento di sangue al cuore, aumentare il tono del muscolo cardiaco, stimolare l’ uscita cardiaca, dilatare le arterie coronarie, stabilizzare la pressione sanguigna, prevenire l’ aterosclerosi (l’ accumulo di placca arteriosa), e prevenire o aiutare a migliorare l’ insufficienza cardiaca congestizia.

Molte erbe utilizzate per la salute cardiovascolare, come biancospino e gingko, hanno proprietà antiossidanti, che possono aiutare a prevenire l’ indurimento delle arterie o altre insufficienze circolatorie.

Potresti essere interessato a:
a cosa servono gli oli essenziali

L’Aglio, nota erba aromatica, è utilizzato per la salute cardiovascolare e per abbassare il colesterolo. L’ aglio è un esempio degno di nota, e diversi studi clinici hanno dimostrato che l’ aglio è efficace nel ridurre moderatamente il colesterolo sierico. Tuttavia, una recente meta-anlisi degli studi clinici sull’ aglio (Reinhart et al., 2009) ha dimostrato che mentre i livelli di trigliceridi sono moderatamente ridotti, i livelli di LDL non sono diminuiti e i livelli di HDL non sono aumentati. Pertanto, l’ uso di integratori di aglio per ridurre il colesterolo deve essere considerato controverso fino a quando non saranno state chiarite ulteriori indagini.

You might also like

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi