La medicina ayurvedica: la conoscenza relativa al mantenimento della vita

La medicina ayurvedica non è né dell’ est né dell’ ovest, del tempo antico o moderno. è una scienza del vivere che racchiude l’ intera vita, e che mette in relazione la vita dell’ individuo con quella dell’ universo.Una conoscenza che appartiene a tutti gli esseri viventi”. Dr. David Frawley & Dr. Vasant Lad, la definiscono ‘ Lo Yoga delle erbe’.
Il nome Ayurveda deriva da due parole indiane: ayur, che significa vita, e Veda che significa conoscenza o scienza. In senso lato significa conoscenza relativa al mantenimento della vita. Lo scopo della medicina ayurvedica è la prevenzione, curando le persone prima che un disturbo abbia la possibilità di manifestarsi.

L’ Ayurveda si è evoluta a partire dall’ antica saggezza di guaritori, profeti eishis che vivevano  nell’ Himalaya. La loro saggezza è stata tramandata oralmente da insegnante a studente, e alla fine è stato scritto solo negli ultimi 5.000 anni in Sanscrito e chiamato il Veda. La medicina erboristica ayurvedica è stata affinata da migliaia di anni di applicazione pratica ed esperienza. Nell’ 800 aC circa la prima scuola di guarigione medica è stata fondata in India. Un noto studioso, guaritore ed erborista Charaka nei suoi scritti ha descritto 1.500 piante medicinali nel suo libro’ Charaka Samhita’. Questo prezioso libro di erbe è ancora utilizzato come un importante testo di riferimento ed è ancora consultato dai moderni praticanti ayurvedici.

Altri sistemi di medicina curativa naturale come le tradizioni cinesi, tibetane e islamiche (Unani Tibb) hanno le loro radici nell’ Ayurveda. Anche il Buddha (nato nel 550 a. C.) era un seguace dell’ Ayurveda. La diffusione del buddismo in Tibet è stata accompagnata anche dall’ aumento dell’ Ayurveda. La conoscenza delle pratiche erboristiche ayurvediche si è estesa ad altre antiche civiltà attraverso le vie delle spezie. I commercianti che ottengono la conoscenza del materiale medica delle piante curative dell’ India hanno trasmesso questo e studiato dai medici arabi. Questa conoscenza è stata ulteriormente trasmessa agli antichi greci e romani, e alla fine divenne la pratica comune e la base della medicina europea.

La medicina ayurvedica delle erbe è una pratica che ha resistito alla prova del tempo. È vecchia come la vita stessa e intimamente legata al modo in cui la vita funziona ovunque nell’ universo. Mentre la società occidentale impara ad abbracciare questi antichi insegnamenti, scopriremo i loro tanti doni e inizieremo a usarli come forma complementare di trattamento.

1. Cos’ è la medicina erboristica ayurvedica?
2. Teoria dei cinque elementi e del Tridosha.
3. Diagnosi e l’ importanza della costituzione.
4. Erba energetica : i sei gusti.
5. Riunire il tutto in tre casi di studio.

 

CHE COS’ È LA MEDICINA ERBORISTICA AYURVEDICA?

Ayurveda Medicina ayurvedica a base di erbe è basata sulla teoria di Tridoshas. Questa teoria spiega come i cinque elementi aria, fuoco, acqua, terra ed etere, che compongono la creazione fisica, si combinano dinamicamente per gestire tutti i processi all’ interno della fisiologia umana. I cinque elementi sono i fondamenti di tutta la vita e attraverso di essi possiamo determinare la natura, chiamata costituzione dell’ individuo. Si tratta di un sistema sanitario completo che lavora per prescrivere uno stile di vita, piuttosto che un trattamento di malattie e disturbi specifici. L’ abilità del praticante consiste nell’ identificare una costituzione unica, (secondo il sistema tridosha), nel diagnosticare la causa dello squilibrio e nel decidere il protocollo erboristico.

LA TEORIA TRIDOSHA – LE TRE ENERGIE VITALI
I tre dosha sono Vata, Pitta e Kapha. Essi rappresentano il nostro modello genetico e come rispondiamo, sia psicologicamente che fisicamente, al nostro ambiente. Il tipo costituzionale, Vata è una combinazione di aria ed etere. Pitta è la combinazione di Fuoco e Acqua; Kapha – Acqua e Terra. Questi elementi sono il fondamento di tutta la vita.

La comprensione del sistema tridosha ci aiuta a conoscere la predisposizione costituzionale di una persona, aiutando l’ erborista a creare un programma terapeutico a base di erbe che integra tutti gli aspetti della sua vita. I principi e le qualità che seguono sono ciò che un erborista cerca nel determinare la costituzione di un individuo.

Vata: regola tutti i movimenti, la respirazione e il sistema nervoso. Le sue qualità sono descritte come asciutta, fredda, leggera, mobile, sottile, ruvida, dura, irregolare, disperdente e chiara.

In una condizione squilibrata causerà freddezza, secchezza, tremori, distensione addominale, stitichezza, debolezza, insonnia e numerosi altri disturbi neurologici e mancanza di resistenza.

Le erbe che riducono l’ eccesso di Vata sono toniche nutritive, con un piacevole sapore dolce, salato e acidulo e qualità riscaldanti. Le erbe che aggravano Vata sono amare, astringenti e pungenti.

In uno stato di squilibrio causerà alla pelle, agli occhi, alle urine e alle feci un aspetto scuro o un tono giallastro. Questo può essere accompagnato da un aumento di fame e secchezza, bruciore e infiammazioni.

Le erbe che riducono l’ eccesso di Pitta sono secche e rinfrescanti, con sapori amari, astringenti e dolci. Le erbe che aggravano Pitta hanno una natura calda e umida con sapori pungenti, aspri o salati.

Kapha: governa tutta la coesione, la liquidazione, la crescita, la stabilità e la forza del corpo. I suoi attributi sono freddo, umido, pesante, lento, opaco, liscio e nuvoloso.

In una condizione di squilibrio causerà una diminuzione della funzione digestiva, eccesso di flemma e muco, pesantezza del corpo, freddezza, e un grande desiderio di sonno.

Le erbe che riducono l’ eccesso di Kapha sono secche, calde ed eliminative con sapori pungenti, amari e astringenti. Le erbe che aggravano Kapha sono dolci, salate e acide.

Uno degli aspetti unici dell’ erbalismo ayurvedico è che una volta che si conosce il dosha di un individuo si sa quali erbe prescrivere.

Tutto nell’ universo è composto dai cinque elementi. Questi si combinano nei tre dosha o forze bioenergetiche che governano la nostra salute e determinano la nostra costituzione fisica.

PRINCIPI DELLE COSTITUZIONI FISIOLOGICHE
Il sistema ayurvedico riconosce che ogni essere umano nasce con una disposizione unica dei tre dosha, e questo equilibrio è ciò che è responsabile del carattere distintivo tra le persone. Una costituzione dosha particolare  indica una tendenza accentuata a manifestare squilibrio o malattia in un modo particolare, come caratterizzato dal dosha. Il nostro equilibrio costituzionale influenza come il corpo e la mente tenderà a reagire quando si sperimenta uno stimolo particolare, come il cibo, erbe, meteo o emozioni. Riconoscendo e mantenendo la costituzione di un individuo, l’ Ayurveda può insegnare ad ogni persona come raggiungere il proprio stato di salute. Da questo possiamo creare una linea di protocolli di trattamento a base di erbe unica nel suo genere. Questo aspetto personalizzato dell’ Ayurveda può essere integrato in qualsiasi sistema di guarigione naturale.

Potresti essere interessato a:
benefici degli oli essenziali

ERBORISTICA ENERGETICA
“Dalla Terra venivano le erbe e dalle erbe veniva il seme che dava vita agli esseri umani”.
Taittiriya Upanishad (11.1)
Nell’ offrire la forma di trattamento più benefica, il medico ayurvedico erborista, non solo si basa sulle conoscenze derivate dalla scienza del Tridosha, ma deve anche includere la scienza unica dell’ energia vegetale. Questo semplice sistema classifica le proprietà di base delle erbe secondo le loro energie, i loro gusti, gli organi e i canali interessati, così come le loro proprietà terapeutiche e biochimiche. I gusti, gli attributi e gli elementi sono tutti parte del linguaggio della natura, un linguaggio di vita. Questo sistema è simile all’ approccio cinese a base di erbe dei gusti e delle energie. La conoscenza della classificazione energetica delle erbe è stata ampiamente persa in Occidente. Con la comprensione e l’ applicazione della saggezza dell’ energia vegetale, i rimedi vegetali possono collegare tutti noi con ciò che è stato chiamato “le radici vitali dell’ esistenza”.

Secondo le loro energie o “energici” ogni erba ha i suoi effetti terapeutici.
1. Sapore iniziale;
2. Elemento;
3. Effetto riscaldamento o raffreddamento;
4. Effetto post- digestivo;
5. Proprietà speciali

ATTRIBUTI DEI RIMEDI ERBORISTICI
I medici di medicina ayurvedica erboristica prescrivono i rimedi in base ai loro attributi o energia / qualità. Questi sono determinati in base ai venti attributi come lento / nitido, oleoso / secco, freddo / caldo, viscido / rozzo, denso / liquido, morbido / duro, statico / mobile, sottile / lordo, nuvoloso / chiaro, e pesante / leggero. Gli altri aspetti della classificazione delle erbe aromatiche sono secondo sei gusti: dolce, acido, salato, amaro, amaro, pungente e astringente. Il gusto è considerato terapeutico per diversi motivi. La parola sanscrito per il gusto è Rasa. Significa delizia o essenza, che sono entrambi guarigione. Ognuno ha bisogno di alcuni dei sei gusti ogni giorno.

Esempi:
Le erbe aromatiche dolci, acide e salate aumentano la fluidità e l’ idratazione urinaria.
Amare, pungente, e astringente possono aumentare la funzione del sistema nervoso dell’ aria.
Le erbe acide, salate e pungenti aumentano la digestione e l’ attività epatica.

 

https://www.erbepiante.com/erbe-medicinali/10-farmaci-ayurvedici-per-curarsi-in-casa/

You might also like

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi