La medicina botanica: differenze con quella allopatica tradizionale occidentale

La natura ci ha benedetti con rimedi naturali per sostenere o ripristinare la nostra salute.In questo articolo scopriamo la medicina botanica e le differenze con quella allopatica tradizionale occidentale. Il nostro sistema immunitario è responsabile per proteggerci dall’ invasione di organismi estranei; la nostra pelle ci protegge dalla disidratazione e mantiene la temperatura normale in diverse condizioni ambientali; il nostro tratto gastrointestinale è fatto per assorbire i nutrienti per mantenerci forti e sani; il fegato e i reni si occupano di eliminare i rifiuti prodotti da varie funzioni corporee; il sistema circolatorio funziona per trasportare liquidi per nutrienti e rifiuti allo stesso modo e contiene gli elementi di immunità e il sistema difensivo, e il sistema nervoso collega tutti i componenti del corpo-organi, tessuti e cellule, riuniti in una rete che coordina funzioni diverse in modo armonioso.

Il corpo nel suo complesso è costruito per funzionare attraverso gli ormoni (molecole che trasportano segnali da un sistema all’ altro), enzimi (molecole) che facilitano le reazioni chimiche e le trasformazioni delle sostanze chimiche all’ interno del gruppo cellula da una forma in un’ altra, neurotrasmettitori (chimici da cui il sistema nervoso trasmette i suoi segnali), e gli altri per mantenere il corpo sano.

Quando la malattia si manifesta, l’ equilibrio di alcune di queste funzioni corporee è turbato e ristabilire la salute significa riportare questo equilibrio alla normalità stato.

La medicina allopatica, conosciuta come medicina occidentale, utilizza farmaci e prodotti chimici ripristinare la salute.
La medicina botanica cerca di ripristinare la salute utilizzando le erbe e dei loro componenti.

Le erbe, come qualsiasi altro sistema naturale, contengono sostanze chimiche ; alcune di queste sostanze chimiche sono state scoperte mediante sperimentazione. La quantità di queste sostanze chimiche utili è solo una piccola frazione di tutti i composti che costituiscono un’ erba. Così, questi  componenti sono presenti in forma diluita all’ interno di una pianta. Molti di questi componenti naturali delle piante sono sintetizzati in laboratorio. e/o alterati chimicamente per renderli sufficientemente potenti da poter essere utilizzati come composti.

La medicina botanica utilizza estratti di piante che contengono questi componenti in forma diluita. All’ interno di un estratto botanico, il principio attivo è presente con altri componenti vegetali con concentrazioni variabili a seconda dei casi sul tipo di estratto. La maggior parte dei diluenti utilizzati durante la procedura di estrazione sono di natura acquosa o alcolica. L’ acqua, l’ alcool etilico e la glicerina sono i diluenti più utili per la botanica.

A volte il processo di estrazione è un semplice ammollo dell’ impianto in diluente per un periodo compreso tra le dodici e le ventiquattro ore, seguito da decantazione oppure tostando la miscela per separare l’ estratto liquido dal materiale solido. Di solito la miscela viene agitata o mescolata più volte durante il periodo di immersione per accelerare il processo di estrazione. Un altro metodo di estrazione è la percolazione. Questo metodo richiede che il diluente passi attraverso un letto di materiale vegetale collocato all’ interno di un percolatore. Quando il diluente passa attraverso le parti vegetali, estrae i componenti della pianta in un contenitore posto sotto il percolatore.

Potresti essere interessato a:
Dove comprare gli oli essenziali?

Entrambi l’ alcole etilico e la glicerina hanno proprietà conservanti contro la crescita di microrganismi; l’ acqua non lo fa. Pertanto, gli estratti acquosi devono essere conservati con alcole (20% v/v) o glicerina (fino al 20% v/v), se conservate per un periodo maggiore di ventiquattro ore. Gli estratti acquosi devono essere conservati in frigorifero in contenitori ermeticamente chiusi. A volte i componenti sono estratti facendo il tè. I tè sono preparati per infusione o decotto.

L’ infuso: il metodo consiste semplicemente nel versare acqua bollente sul materiale vegetale e ricoprirlo e lasciarlo bagnare per qualche minuto e poi separare il liquido. dalla materia solida mediante decantazione.

Il decotto è usato per estrarre materiali vegetali che sono duri in struttura (steli, radici e simili). La procedura prevede l’ ebollizione del materiale vegetale con l’ acqua, lasciando che sia coperto per  quattordici minuti  a temperatura ambiente, e poi filtrandolo per separare il tè dalla pianta . Tè dovrebbe essere usato caldo al momento della preparazione o utilizzato entro dodici ore se conservato in frigorifero. Devono essere effettuati studi sperimentali per determinare l’ efficacia di erbe aromatiche e loro componenti. I ricercatori utilizzano la classificazione dei metodi di laboratorio in vitro o in vivo. I test in vitro sono eseguiti in provette e comportano analisi con l’ impiego di sostanze chimiche e/o cellule coltivate in coltura. Esperimenti in vivo utilizzano sistemi viventi come animali e esseri umani. Le sperimentazioni cliniche sono quelli che includono gli esseri umani come soggetti di prova.  La più alta qualità della sperimentazione umana è quella randomizzata, studio clinico in doppio cieco controllato con placebo (RCT).

L’ azione dei prodotti vegetali è molto più lenta di quella che si osserva con i farmaci convenzionali.  Ci sono una grande varietà di risposte tra gli utenti di erbe, e l’ azione desiderata può verificarsi solo dopo un po’ di tempo dopo il dosaggio multiplo della stessa erba. Ciò è dovuto al fatto che i prodotti vegetali sono diluiti in preparazioni; i principi “attivi” di questi prodotti, se presenti, richiedono tempo per raggiungere un “livello terapeutico”. In alcuni casi, se l’ erba è presa continuamente per un periodo prolungato può anche raggiungere un livello “tossico”. Per esempio, se l’ echinacea è preso per più di sei – otto settimane può provocare la depressione del sistema immunitario-un effetto indesiderabile, soprattutto quando l’ erba è prevista per migliorare il sistema immunitario. In generale, rispetto ai farmaci, i preparati botanici dovrebbero agire lentamente e con maggiore intensità. Nonostante la convinzione generale che le erbe sono sicure, gravi effetti collaterali possono derivare in individui sensibilizzati. Le interazioni farmaco-erbe sono comuni e possono mitigare i risultati clinici attesi del trattamento farmacologico. Una questione comune alla ricerca botanica è la qualità delle erbe utilizzate in studio.  Esiste una variabilità nel contenuto di prodotti vegetali tra prodotti di produttori diversi e tra lotti dello stesso tipo produttori. L’ industria botanica, insieme alle istituzioni governative e vari enti pubblici, ha reagito a tali inaccettabili norme in materia di prodotti vegetali fissando norme di qualità.

Anche se gli effetti collaterali dovrebbero essere meno comuni con i prodotti botanici rispetto a quelli trovati con i farmaci, si verificano e possono essere gravi. Preparazioni a base di erbe contenenti cumarine, agenti ad azione emorragica, possono interferire con farmaci utilizzati per lo stesso scopo, possono contenere sostanze  nocive per il fegato. Questi possono portare alla tossicità epatica che potrebbe richiedere un trapianto. Per evitare interazioni farmaco-erbe, farmacisti o medici dovrebbero essere consultati prima dell’ inizio del trattamento combinato.

You might also like

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi